.
Annunci online

 
alicepolizzi 
La vita è una cosa troppo importante per essere presa sul serio, Oscar Wilde
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Paola Di Fraia
Independent
beppe severgnini
Claudio Sabelli Fioretti
Daniele Luttazzi
Daria Bignardi
Federico Rampini
Internazionale
tg1 storia-blog
Pino Scaccia
tg1 storia
Luca Rossi
Mario Adinolfi
Marco Esposito
Aldo Torchiaro
Alessia Fedele
Claudio Caprara
Marco De Amicis
Nessuno Tv
VentoSolare
Simon
peace report
Almayer
Corsera
ElPais
LeMonde
NYTimes
  cerca

Questo blog non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62/2001. Viene aggiornato senza alcuna periodicità. Le immagini sono prese anche dalla rete internet, qualora se ne riconosca la violazione del diritto d’autore, vogliate comunicarlo qui, saranno subito rimosse.


 

Diario |
 
Diario
1visite.

9 novembre 2008

L'intellettuale ebreo

Israel: «Su Pio XII nessuno detti condizioni alla Chiesa»



Israel: «Il suo papato appartiene a una zona grigia . Sbagliato dare giudizi morali drastici»

ROMA — «Nessuno può impedire a un’organizzazione religiosa di decidere in piena autonomia su questioni che riguardano la propria vita interna. Questo vale per qualsiasi religione. Non si possono, insomma, porre condizioni...».Giorgio Israel, storico della scienza, intellettuale ebreo molto impegnato nel dibattito civile, non ha nulla da obbiettare all’appello del cardinal Tarcisio Bertone che chiede «rispetto» per un fatto che è di «esclusiva competenza della Santa Sede» come la beatificazione di Pio XII.

Lei dunque trova giusto il pensiero del cardinal Bertone...
«Penso che nei confronti della figura di Pio XII vi sia stato un accanimento eccessivo e ingiustificato. Nel merito, la possibile beatificazione di Pio XII non mi convince. Tuttavia, sarebbe sbagliato farne un ostacolo a un dialogo tra il mondo ebraico e il mondo cattolico che ha registrato molti progressi anche grazie all’attuale Pontefice. È meglio non enfatizzare certe divergenze e guardare soprattutto agli aspetti positivi».

Meglio guardare al futuro, dice lei.
«Certo. Meglio guardare alla parte piena del bicchiere che non a quella ancora vuota. E poi, a ben vedere, vi sono state altre beatificazioni davvero imbarazzanti per gli ebrei. Penso a quella di Pio IX, personaggio di cultura fortemente antigiudaica, legato al dramma delle conversioni forzate di ebrei al cattolicesimo. Ma devo notare che da allora a oggi, nel dialogo tra le due religioni, siamo in un altro mondo».

Perché non porre condizioni? Molti prestigiosi ebrei italiani ritengono che la beatificazione di Pio XII costituisca invece un macigno sulla via del confronto.
«Prendiamo il Corano. In molti passaggi vi sono accenni a dir poco non amichevoli verso gli ebrei. Ma non sarebbe sensato chiederne la cancellazione come condizione per dialogare con l’Islam. Quel che conta è cosa si pensa e cosa si fa oggi. Su papa Pacelli sarebbe meglio smorzare i toni. Poi lasciare il giudizio agli storici».

E invece qual è il suo personale giudizio su Pio XII?
«Il mio giudizio è che le vicende del suo papato appartengono a una zona grigia e complessa e per questo riservata più alle controversie storiografiche che non ai giudizi morali drastici. Pio XII avrebbe potuto e dovuto pronunciarsi contro le leggi razziali promulgate dal fascismo e firmate da Vittorio Emanuele III nel 1939. E penso che questo suo silenzio sia l’aspetto più grave del suo pontificato. Ma non sono affatto d’accordo con certi giudizi estremi su Eugenio Pacelli. Se non altro perché mi sento una prova tangibile della loro inconsistenza. Difatti io non sarei qui a parlare se non fosse per Pio XII».

In che senso, professor Israel?
«Mio padre Saul, che insegnava Fisiologia alla Sapienza, fu rifugiato prima nel convento di san Francesco in via Merulana e poi a san Giovanni in Laterano grazie a monsignor Pietro Palazzini, futuro cardinale, poi proclamato Giusto di Israele. Insisto: occorre guardare in avanti, costruire il futuro. Molti autorevoli ambienti dell’ebraismo internazionale guardano con favore al bilancio positivo del confronto con il mondo cattolico e non sono favorevoli a drammatizzare questa vicenda».

Cosa cambierebbe veramente per lei, intellettuale ebreo, se la chiesa cattolica proclamasse santo Pio XII?
«Cambierebbe, e molto, se su quella scia iniziasse una dinamica regressiva nel dialogo interreligioso. Se esistessero documenti atti a dimostrare inequivocabilmente una copertura della Shoah, sarebbe uno scandalo. Ma questi documenti certamente non esistono. E ritengo che la chiesa cattolica abbia il diritto di compiere le sue valutazioni e di procedere nel senso che ritiene più giusto dal suo punto di vista. Poi, insisto, gli storici esprimeranno il loro parere».

Paolo Conti
07 novembre 2008

Corsera




permalink | inviato da alice80 il 9/11/2008 alle 23:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre