.
Annunci online

 
alicepolizzi 
La vita è una cosa troppo importante per essere presa sul serio, Oscar Wilde
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Paola Di Fraia
Independent
beppe severgnini
Claudio Sabelli Fioretti
Daniele Luttazzi
Daria Bignardi
Federico Rampini
Internazionale
tg1 storia-blog
Pino Scaccia
tg1 storia
Luca Rossi
Mario Adinolfi
Marco Esposito
Aldo Torchiaro
Alessia Fedele
Claudio Caprara
Marco De Amicis
Nessuno Tv
VentoSolare
Simon
peace report
Almayer
Corsera
ElPais
LeMonde
NYTimes
  cerca

Questo blog non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62/2001. Viene aggiornato senza alcuna periodicità. Le immagini sono prese anche dalla rete internet, qualora se ne riconosca la violazione del diritto d’autore, vogliate comunicarlo qui, saranno subito rimosse.


 

Diario |
 
Diario
55859visite.

9 ottobre 2008

Gli antefatti

Nulla lasciava presagire...


La Versilia in quel periodo costituiva il fronte occidentale della Linea Gotica e un’intera divisione di Waffen-SS era dislocata nel tratto compreso dalla foce del fiume Serchio (ai confini con la provincia di Pisa) alla foce del fiume Magra (ai confini con la provincia di La Spezia).

La popolazione civile, secondo le disposizioni tedesche fatte proprie dai gerarchi fascisti provinciali, avrebbe dovuto evacuare l’intera area per spostarsi a Sala Baganza, un comune al di là dall’Appennino, in provincia di Parma. L’ordine impartito era assurdo e impraticabile essendo impossibile trasferire, senza mezzi di trasporto, una così consistente massa di persone, d’animali e di vettovagliamento. In ogni caso, per la popolazione civile della piana della Vesilia, era necessario sottrarsi ai rischi della battaglia e sfollare in zone apparentemente più sicure.





Fu così che anche il piccolo e nascosto paese di Sant’Anna di Stazzema, raggiungibile solo attraverso mulattiere, dette accoglienza a diverse centinaia di rifugiati.
Provenivano in grabn parte dalla piana della Versilia, ma anche da località più lontane. Fra le vittime, infatti, anche i Tucci da Foligno, i Pavolini da Piombino, i Bonati e gli Scipioni da La Spezia, gli Scalero da Genova, i Cappiello da Napoli, i De Martino da Castellammare di Stabia, i Danesi da Pavia, i Ficini dall’Isola d’Elba e molti altri.
La popolazione, di fatto, quasi si quadruplicò fino ad arrivare a circa 1500 unità.

C’era il problema di trovare un tetto dove rifugiarsi, ma soprattutto c’era il problema di trovare di che sfamarsi, ma c’era lo stesso la speranza di essere al sicuro dalla furia della guerra.

All’alba del 30 luglio 1944 si era verificata una battaglia tra i partigiani della X bis brigata Garibaldi, attestati sul monte Ornato, e le truppe tedesche, terminata con la ritirata dei nazisti e l’attestazione dei partigiani in una zona più interna, in direzione di Lucca.

Il 5 agosto i tedeschi ordinarono lo sfollamento del piccolo paese di Sant’Anna di Stazzema. L’ordine venne annullato pochi giorni dopo, dietro l’assicurazione che nel paese non stazionavano partigiani. Così la vita degli abitanti di Sant’ Anna e degli sfollati riprese il suo ritmo normale. Nulla lasciava presagire lo scatenarsi della furia nazista.


http://www.santannadistazzema.org/




permalink | inviato da alice80 il 9/10/2008 alle 12:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre